Onore Rubato

Il reggimento sciolto merita di riabilitare la sua reputazione.

Per diritto, questo problema dovrebbe essere classificato come uno scandalo, con molta più copertura della stampa di quanto non abbia ricevuto fino a questo punto e, inoltre, è uno dei miei aspetti più personale.

Penso che potrei aver menzionato la storia della mia famiglia nell’esercito in un precedente post, insieme ai miei legami con il PPCLI. Mio zio “Spike”, come era noto, era un sergente quando si ritirò nei primi anni ’80, e un paio di anni prima che andasse in pensione, gli fu chiesto (chiesto a tutti) di unirsi al Canadian Airborne Regiment. Un tempo campione di boxe dell’esercito, aveva quello che serviva per essere un saltatore. Correva ancora ogni giorno in stivali da combattimento nei suoi anni ’50, passando alle scarpe da corsa fino a quando smise di correre alla fine degli anni ’60.

Così, quando il reggimento fu sciolto in disgrazia il 1 ° settembre 1995, sulla scia dello scandalo della Somalia, sentii lo shock che si prova quando viene detto che un membro della famiglia è morto. Era come se una parte di me stesso fosse in qualche modo scomparsa ora. Non potevo immaginare di non essere mai stato un reggimento aviotrasportato.

Inizialmente, provavo rabbia nei confronti di coloro che avevano commesso gli atti brutali che l’avevano portato. Loro, la catena di comando a terra, molti di loro. Si trattava di un gruppo di razzisti i cui capi avevano dato loro il libero regno di terrorizzare la popolazione locale, perché erano troppo maledettamente pigri o non gliene fregava niente o entrambi. Grazie a loro, le forze canadesi avevano un occhio nero e il reggimento aviotrasportato canadese aveva cessato di esistere. Strada da percorrere, stronzi.

Ma poi, qualche tempo dopo, meflochina fece la notizia, e tutto ad un tratto, le cose non erano poi così tagliate e secche. Quando la storia cominciò a svolgersi, la colpa cominciò a sollevarsi dai soldati, e alla fine sarebbe arrivata al quadrato nel grembo del Dipartimento della Difesa Nazionale, e la preoccupazione farmaceutica svizzera Hoffman-La Roche.

A causa delle loro azioni, due adolescenti somali sono morti e le vite di alcuni soldati sono cambiate per sempre. Un gran numero di veterani continua a soffrire degli effetti collaterali da incubo e, in ogni caso, i tribunali sentiranno i casi per gli anni a venire in future azioni legali.

La roba degli incubi

Commercializzata con il marchio Lariam, la meflochina è un farmaco antimalarico. I farmaci antimalarici sono disponibili dal 19 ° secolo, quando gli scienziati francesi sono stati in grado di estrarre il chinino dalla corteccia dell’albero di Cinchona, originario della regione andina del Sud America.

Il chinino era richiesto dalle forze armate europee, mentre il colonialismo si faceva strada nelle zone tropicali e oggi il personale militare prende la maggior parte delle dosi di farmaci anti-malaria dispensati. Ha senso solo che gli eserciti militari abbiano un interesse per il loro sviluppo e abbiano contribuito al progresso di questi farmaci nel corso degli anni.

Big Pharma e il complesso industriale militare

Lariam è stato sviluppato dall’esercito americano vicino alla fine della guerra del Vietnam, come parte di uno sforzo per trovare un anti-malaria che fosse efficace, economico e sicuro. Le prime prove riportate di meflochina furono fatte nel 1975, su prigionieri nel Centro correzionale di Joliette nell’Illinois, mentre un altro fu eseguito l’anno seguente presso la Casa della correzione di Maryland. Non è possibile trovare dettagli di queste prove.

Durante gli anni ’80, l’industria farmaceutica iniziò a fare pressioni sul congresso americano nel tentativo di far arrivare i loro prodotti sul mercato più velocemente. I protocolli di test stavano ritardando il tempo necessario per ottenere un farmaco sul mercato e le aziende farmaceutiche volevano ridurre il tempo necessario, in modo che potessero iniziare a guadagnare più rapidamente.

Quindi, quando la FDA approvò Lariam per l’uso nel 1989, non erano ancora stati fatti alcuni studi critici relativi alla tollerabilità e all’interazione con altri farmaci. Entro pochi mesi dal rilascio, le preoccupazioni per la sicurezza sarebbero emerse, eppure il farmaco rimarrebbe il bersaglio per la prevenzione della malaria resistente alla clorochina.

Inizio di uno scandalo

Il Reggimento aviotrasportato canadese partì per la Somalia nel dicembre del 1992, cinque mesi dopo che il primo ministro Brian Mulroney aveva impegnato truppe canadesi per la missione. Chiamato Operation Deliverance, diventerebbe parte dell’operazione Restore Hope, guidata dagli Stati Uniti, che alla fine rientrerebbe sotto il controllo delle Nazioni Unite e diventerà UNOSOM II.

I membri del reggimento aviotrasportato canadese scattano in posizione mentre arrivano ad assumersi la responsabilità per l’aeroporto di Bali Dogle, in Somalia, il 15 dicembre 1992. Il Canada partecipa a un’operazione di soccorso delle Nazioni Unite nel paese dell’Africa orientale. (CP Photo / Andrew Vaughan)

La decisione di inviare 2 commando in Somalia era stata controversa sin dall’inizio. L’unità era nota per la diffusione del razzismo ed era vista come una discarica per coloro che avevano problemi di disciplina. Il CO del reggimento era stato licenziato per aver dichiarato che il reggimento era inadatto alla missione e sostituito da Lt.Col. Carol Mathieu, che avrebbe guidato il contingente in Somalia.

Per qualsiasi ragione, il DND aveva preso la decisione che Lariam sarebbe stata la profilattica antimalarica da utilizzare per questo spiegamento. Sebbene disponibile negli Stati Uniti, Lariam non era ancora disponibile in Canada, anche se poteva essere utilizzato in una sperimentazione clinica.

Come con qualsiasi sperimentazione clinica, ci sarebbero protocolli rigorosi che dovrebbero essere osservati. C’è una grande quantità di monitoraggio, test e registrazione coinvolti in una sperimentazione clinica, e così sapendo questo, la DND ha preso la decisione di partecipare alla sperimentazione clinica per Lariam. È discutibile se qualcuno si sia preso la briga di cercare qualche dato clinico esistente dagli Stati Uniti, anche se scommetto che nessuno si è preoccupato.

Il Dipartimento della Difesa Nazionale non aveva assolutamente intenzione di fare nulla di ciò che era richiesto per lo studio, e questo fatto era evidente non appena la missione ebbe inizio. Non c’era alcun monitoraggio, nessuna segnalazione di eventi avversi, nessuno sforzo per far sembrare che stessero provando.

Peggio ancora, gli uomini non avevano idea che avrebbero dovuto prendere parte a un processo per droga. Mentre veniva loro detto a cosa serviva il farmaco e quali erano i possibili effetti collaterali, non ricevevano i moduli da firmare che avrebbero costituito consenso informato. Per quanto ne sapevano, non avrebbero ricevuto la medicina se il governo avesse pensato che fosse pericoloso. È un’ipotesi che facciamo sempre. Si sarebbero sbagliati.

Gli effetti avversi

Non passò molto tempo prima che iniziassero a manifestarsi alcuni effetti collaterali inquietanti, simili a quelli riportati negli Stati Uniti. Cominciarono ad apparire ansia, incubi, paranoia, allucinazioni, depressione e altri gravi sintomi.

Negli ultimi anni è stato rivelato che molti di coloro che prestavano servizio in Somalia avevano manifestato questi sintomi, compresi quelli coinvolti negli incidenti in questione. Per molti, i sintomi continuano fino ad oggi, anni dopo l’assunzione del farmaco.

Il palcoscenico era ora pronto per uno scenario direttamente da un film; un battaglione di macchine per uccidere pesantemente armate, altamente addestrate, potenzialmente psicotiche, sarebbe caduto in una missione ad alto stress in Africa. Lo scenario peggiore stava per uscire.

Il risultato

Per evitare che questo diventi un romanzo, disperderò con la maggior parte dei dettagli, ma sentitevi libero di fare qualche ricerca per voi stessi online. I punti chiave sono due adolescenti somali, Shidane Arone e Ahmed Arush sono stati uccisi, e un terzo, Abdi Hinde Bei Sabrie, è stato gravemente ferito.

Il caporale Clayton Matchee sarebbe stato accusato in relazione alla morte di Arone, tuttavia avrebbe tentato il suicidio impiccandosi e avrebbe subito danni cerebrali permanenti. A causa dell’entità del suo infortunio, richiederà cure costanti e non dovrà più affrontare le accuse penali che sono state intentate contro di lui.

Il poliziotto Kyle Brown sarebbe stato dichiarato colpevole di omicidio colposo e tortura e avrebbe scontato una pena detentiva di 40 mesi. La sua vita dopo essere uscita è stata difficile, poiché continua a soffrire di PTSD e degli effetti neurotossici di meflochina.

Molti altri dovrebbero affrontare accuse in merito alla questione, tuttavia la maggior parte sarebbe in seguito assolta da una corte marziale. Questi uomini e centinaia di altri su quel dispiegamento soffrirebbero di angoscia psicologica causata dalla neurotossicità della meflochina, che è stata identificata nel 2006.

Non è stato fino al 2017 che i militari canadesi hanno deciso di iniziare a limitare l’uso di meflochina. Non viene più offerto come prima opzione nella profilassi della malaria per gli schieramenti. In realtà, sembra che la meflochina venga usata sempre meno in tutto il mondo, dal momento che le chiamate vanno a favore di ulteriori studi sugli effetti a lungo termine. Gli avvocati di contenzioso in numerose giurisdizioni sono impegnati a preparare briefs per azioni che probabilmente ammonterebbero a miliardi di dollari.

Abbiamo davvero bisogno di una richiesta di ritiro

Una commissione di inchiesta di tre persone sull’affare Somalia è stata convocata alla fine del 1995 dal ministro della Difesa Art Eggleton, che ha pubblicato il suo rapporto nel settembre 1997, dopo essere stata interrotta da David Collenette, sostituto di Eggleton.

Collenette era diventato impaziente con la commissione, e quando fu portata a termine, una grande quantità di testimonianze doveva ancora essere ascoltata. Il rapporto finale conteneva 2000 pagine su cinque volumi ed era molto critico nei confronti della leadership e della cultura all’interno del Dipartimento della Difesa Nazionale. Non c’è menzione di meflochina da nessuna parte.

Marj Matchee tiene una foto e gli stivali di suo marito Master Caporale Clayton Matchee durante un rally di mefloquine contro la droga antimalarica il 19 settembre 2017 sui gradini del Parlamento Hill a Ottawa.
DAVE CHAN / THE GLOBE AND MAIL

Nel 2017, la moglie di Clayton Matchee, Marj Matchee, iniziò a chiedere al governo di riaprire l’inchiesta. Una grande quantità di informazioni è venuta alla luce da quando è stata pubblicata la relazione incompleta della Commissione, che deve essere portata alla luce. Se le informazioni fossero disponibili al momento, non c’è dubbio che avrebbe avuto un impatto sulla relazione finale. Non riaprire l’inchiesta sarebbe un errore giudiziario.

Kyle Brown, Clayton Matchee e il resto dei 2 CDO non erano santi per alcuno sforzo dell’immaginazione, e alcuni avevano opinioni piuttosto ripugnanti, ma erano professionisti. Il modo in cui lo vedo, e molti saranno d’accordo con me su questo, senza mefloch, questo non sarebbe successo. Gli uomini di 2 CDO non dovrebbero indossare il manto dei cacciatorpediniere del Canadian Airborne Regiment. Loro, insieme al Canadian Airborne Regiment, meritano di riavere la loro reputazione.

Ex coelis

D.B.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1847738/

http://publications.gc.ca/collections/collection_2016/bvg-oag/FA1-1999-1-0-eng.pdf

https://www.cbc.ca/news/canada/saskatoon/clayton-matchee-s-wife-wants-to-reopen-somalia-inquiry-1.4258889

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s