I file Australiani: lo scandalo delle proporzioni criminali

Un ex avvocato dell’esercito deve affrontare 60 anni di carcere per aver fatto fuoriuscire documenti segreti … che ha denunciato il tentativo del governo di sovvertire la democrazia.

David McBride fuori corte a Canberra oggi. Immagine Gary Ramage

All’inizio di questa settimana ho tirato fuori un articolo che ho scritto sui raid della ABC e del giornalista australiano della polizia federale australiana. L’ho scritto usando vari articoli dei media “mainstream” come materiale di partenza, pensando che stavo ottenendo informazioni accurate e concrete.

Dopo aver sentito che praticamente l’intero articolo era pura merda non alterata, l’ho cancellato, e ho deciso di ricominciare da capo e guardare in quello che era veramente il nocciolo della questione. Da tutte le apparenze i media australiani hanno fatto un casino completo di questa storia, e potrebbe non essere involontaria.

Da dove mi trovo a circa tredici chilometri e mezzo di distanza, vedo qualcosa di inquietante. Sono Machiavelli e Orwell che prendono vita, poiché un paese del Commonwealth inizia a somigliare a qualcosa di più adatto al Patto di Varsavia. Quello che vedo è un attacco alla democrazia.

Dove tutto ha inizio.

Qualsiasi informazione su Maj. McBride e questo caso verrà ora dalle interviste ai media. Ho avuto contatti molto brevi con lui e, a causa delle circostanze attuali, non penso che sarà in grado di fare commenti ai media. Il suo processo è ora in corso, e in quanto tale qualsiasi affermazione che faccia al di fuori del tribunale potrebbe potenzialmente mettere a repentaglio il suo caso.

Spero di poter avere un’intervista approfondita con Maj. McBride dopo la sua assoluzione.

Maggiore (in pensione) David McBride

Quando il maggiore (in pensione) David McBride consegnò migliaia di documenti segreti alla Australian Broadcasting Corporation, sarebbe diventato il secondo informatore della sua famiglia. Si unisce a suo padre, il dottor William McBride (morto nel 2018), che nel 1961 scoprì il legame tra talidomide e difetti alla nascita. Il suo lavoro andrebbe a salvare migliaia di vite in tutto il mondo.

Armato della stessa convinzione, suo figlio avrebbe intrapreso passi drastici per fermare un illecito. Il governo stava commettendo gli atti in questione e le truppe australiane venivano uccise e ferite non per guadagni tattici o strategici, ma per guadagni politici.

Istruzione e carriera.

Si è laureato in giurisprudenza presso l’Università di Sydney nel 1985, prima di recarsi all’Università di Oxford dove nel 1988 ha conseguito il titolo di Master of Arts in Jurisprudence. Più tardi nello stesso anno si è arruolato nell’esercito britannico, prestando servizio per oltre 5 anni. nel SAS.

Ritornerebbe in Australia e lavorò in uno studio privato specializzato in diritto internazionale. Nel 2009 è entrato a far parte dell’Australian Defence Force e ha lavorato come ufficiale legale nel comando delle forze speciali. È stato schierato in Afghanistan due volte con la SAS, la prima volta nel 2011, la seconda nel 2013. Nel 2010, Maj. McBride ha conseguito un LL.M in diritto internazionale presso l’Australian National University.

La legge del conflitto armato

Se sei mai abbastanza coraggioso da prendere le relazioni internazionali in università, alla fine ti troverai a conoscere la legge del conflitto armato. Queste sono le leggi stabilite dal Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) che governa le guerre.

Ci sono quattro principi di base del conflitto tra i diritti armati:

  • DISTINZIONE: Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949 e relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali (Protocollo I), 8 giugno 1977, Articolo 48. Vedi anche Commento.
  • PROPORZIONALITÀ: US Army Field Manual FM27-10: Law of Land Warfare (luglio 1956), pagina 5, paragrafo 41.
  • NECESSITÀ MILITARE: The Law of Armed Conflict, International Humanitarian Law in War, di Gary D. Solis, Cambridge University Press; 1a edizione (15 febbraio 2010), pagina 258.
  • NON SOFFERENZA: Protocollo addizionale alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949 e relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali (Protocollo I), 8 giugno 1977, Articolo 35.2. Vedi anche il commento.

Per gentile concessione: LOACBlog.com

Queste sono le leggi che governano guerre e conflitti armati, almeno da quegli stati o entità che rispettano la legge che è. Queste leggi sono chiaramente enunciate e si assume la responsabilità di sostenerle su ogni combattente dal comandante in giù. È a livello di comando che devono essere impartiti e seguiti in modo chiaro e inequivocabile, in conformità con la legge internazionale.

Click to access law1_final.pdf

la legge del conflitto internazionale Comitato internazionale della Croce Rossa.

jus ad bellum / jus in bello

The Law Of Armed Conflict copre i principi legali dello jus in bello (giustizia in guerra), che differisce da jus ad bellum (una guerra giusta). Integrali sia al principio di jus in bello, sia a questa storia, sono regole di ingaggio.

Le regole di ingaggio sono le regole interne o le direttive tra le forze militari (compresi gli individui) che definiscono le circostanze, le condizioni, il grado e il modo in cui l’uso della forza, o le azioni che potrebbero essere interpretate come provocatorie, possono essere applicate. (Fonte: Wikipedia)

Regole di ingaggio

Image result for australian special forces

Se mai ci fosse una frase che potrebbe immediatamente demoralizzare un intero reggimento in una volta, “Regole di fidanzamento” sarebbe. Quando si tratta di RDF, possono essere molto semplici, ovvero sparare a qualsiasi cosa si muova, o, possono essere molto, molto complicati e questo è il motivo per cui gli avvocati sono ora una caratteristica comune nelle unità di combattimento di molte nazioni.

Immagina di trovarti in una situazione come questa: sei un soldato schierato in una situazione ostile in un paese straniero. Ti viene assegnato il compito di proteggere un gruppo di civili, tuttavia ci sono dei limiti alla protezione che puoi dare loro. Una folla inferocita si avvicina, armata di fucili e machete. Non puoi sparare sulla folla a meno che non si accenda prima su di te e tu ricominci il fuoco, oppure sparano sul gruppo che stai proteggendo.

La folla ti spinge semplicemente oltre senza sparare un colpo, prende il controllo delle tue cariche e le conduce ad essere uccise altrove. Nel frattempo, se spari un singolo colpo al di fuori di quelle regole, dovrai affrontare accuse criminali e potresti trovarti di fronte alla prigione. Ci sono molti ex soldati della pace degli Stati Uniti che hanno dovuto vivere un simile incubo.

Le regole di ingaggio possono anche essere così restrittive che le vite delle truppe possono mettere a repentaglio a causa loro. Ciò che è ancora peggio, ed è successo in passato, sono casi in cui le Regole di ingaggio sono vaghe e poco chiare. Questo può e spesso si traduce in perdite o morti sul campo di battaglia.

Questo è ciò che il maggiore David McBride ha notato nel suo primo impiego in Afghanistan. Entro il 2013, e il suo secondo spiegamento, era sicuro che ciò che stava vedendo era intenzionale e intenzionale. Ciò che stava vedendo la principale autorità australiana sulla legge dei conflitti armati era la prova di un crimine commesso ai più alti livelli.

Un articolo di giornale molto interessante.

Click to access 3.pdf

Nell’agosto del 2012, un articolo apparso sull’Australian Journal of International Law intitolato “Who is a Member? Uccisioni mirate contro membri di gruppi armati organizzati “. Il suo autore era il maggiore David McBride. È un esame di quarantasei pagine delle complessità del campo di battaglia che può significare la differenza tra qualcuno che vive e qualcuno che muore.

Praticamente ogni militare farà tutto il possibile per garantire che le vite dei civili non vengano messe a rischio ogni volta che le ostilità esplodono. Nell’era della tecnologia e delle armi intelligenti, la capacità di limitare i danni collaterali è maggiore ora che in qualsiasi momento della storia. Questa è comunque guerra, e per definizione i civili moriranno, è inevitabile. Spetta comunque ai soldati ridurre al minimo il rischio di danni collaterali e agire in modo responsabile e senza scrupoli.

L’arroganza nasce dall’ambiguità, e Regole d’ingaggio complicate o confuse portano a situazioni spericolate, che inevitabilmente finiscono con qualcuno morto, di solito una vittima innocente, ma spesso è un soldato. Questo è il punto fondamentale che Maj. McBride stava cercando di trasmettere in questo articolo, perché lo vedeva di prima mano in Afghanistan. Ma mentre iniziava a leggere un numero incredibile di documenti segreti, stava emergendo un altro quadro.

Ciò che stava vedendo era la prova che le Regole di ingaggio erano state elaborate per volere di politici, il cui unico scopo non era quello di ottenere un successo tattico sul campo di battaglia. Piuttosto, sono stati fatti per massimizzare il guadagno politico, per ottenere punti con gli elettori e per aumentare i numeri dei sondaggi.

Non era nient’altro che un tentativo macabro e cinico di prendere piede con gli elettori mentre guardano i loro politici salutare le bare dei caduti all’aeroporto, o piangere con le famiglie sulla tomba. Non puoi semplicemente comprare quel tipo di pubblicità con denaro, questo è il tipo che arriva al prezzo delle vite dei soldati.

Non si carica il governo.

Per due anni, McBride avrebbe preso le prove che ha compilato per ogni possibile autorità che poteva. A quasi ogni turno, a partire dalla polizia federale australiana, gli è stato detto praticamente la stessa cosa. Questo è il governo, amico. Non puoi caricare il governo.

Beh, a chi diavolo dovresti andare quando i tuoi funzionari eletti stanno infrangendo la legge? Dopo aver esaurito le opzioni, e con la legge che continuava a essere vanificata, McBride fece l’unica cosa che poteva fare, e divulgò i documenti ai media. Le persone dovevano sapere, DEVONO saperlo, e avevano OGNI DIRITTO di sapere cosa stava succedendo nel loro governo.

Un governo che sceglie di infrangere liberamente la legge e usarla come arma contro i propri cittadini non opera più in modo democratico. La nazione con un governo del genere è pericolosamente vicina a perdere la democrazia e a sostituirla rapidamente con un regime totalitario.

QUESTO E ‘LO SCANDALO SANGUINANTE !!

Non il governo criminalizza i giornalisti. Non il raid su ABC. Non la perdita della libertà di stampa. Non. Anche. Vicino.

È più grande di quello. Non si tratta solo di libertà di stampa, si tratta di libertà. Un governo libero di correre fuori controllo senza controllo non è ciò che è una democrazia. In un paese che dovrebbe essere una delle democrazie più sicure al mondo. Ma indovina un po?

Anche il Canada lo sta facendo !!!

Il regime di Trudeau non è migliore. La questione con il direttore dei pubblici ministeri all’inizio di quest’anno era una chiara e palese criminalità e il loro tentativo di creare e infrangere le leggi che ritenevano opportune. Poi, provando a contrattare il Contrammiraglio Mark Norman, mostrarono che erano disposti ad usare la legge come loro arma personale nel tentativo di mettere a tacere coloro che si opponevano a loro.

Retribuzione, non giustizia

Image may contain: 1 person, eyeglasses

Quello che il governo australiano sta facendo al maggiore David McBride è l’assinna. Lo stanno minacciando con 60 anni di carcere, il resto della sua vita naturale, per aver rilasciato documenti che non rivelano segreti di sicurezza nazionale, e in nessun modo sono un danno per la sicurezza dell’Australia.

Quello che sono è un imbarazzo per un gran numero di politici, per lo meno. Sono la prova di un crimine contro il popolo australiano, e per essere patriottico per il suo paese, il maggiore David McBride è messo alla berlina.

Il procedimento potrebbe essere in segreto, ma un giusto avvertimento al governo australiano, il mondo democratico sta osservando da vicino. Nulla di meno di un’assoluzione e delle scuse per lui soddisferanno molti in Australia o nel resto del mondo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s