Pillola avvelenata: la storia di meflochina dal laboratorio al tribunale

Parte 3: Martedì Grasso e Mercoledì Strambo

Nell’8 maggio, edizione del New York Times del 1989, un articolo dall’aspetto insignificante riporta l’approvazione dell’approvazione da parte di food and drug della nuova droga antimalarica, Lariam. Annota lo sviluppatore della droga, il Comando di ricerca e sviluppo medico dell’esercito, nonché Hoffmann-La Roche e l’Organizzazione mondiale della sanità, che collaborarono entrambi al progetto con l’esercito.

Prosegue affermando ulteriormente che la malaria infetta tra 300-400 milioni di persone ogni anno e 3-5 milioni moriranno della malattia. I viaggiatori del mondo americano ora possono farlo senza paura di contrarre la malaria, grazie alle brave persone di Roche Pharmaceuticals, l’organizzazione mondiale della sanità e l’Esercito degli Stati Uniti.

Un avvertimento non viene ascoltato

Poi, a novembre, una lettera fu inviata al New England Journal of Medicine da tre medici dei centri per il controllo delle malattie ad Atlanta. È la prima comparsa nella letteratura della psicosi indotta da meflochina come reazione avversa. Per citare l’articolo:

La recente autorizzazione di meflochina negli Stati Uniti ha importanti implicazioni per la protezione dei visitatori di aree con malaria da P. falciparum resistente alla clorochina. Per chiarire l’assorbimento e il metabolismo di meflochina, abbiamo condotto uno studio di farmacocinetica su adulti americani sani. Abbiamo riscontrato un tasso inaspettatamente elevato di reazioni avverse al farmaco.

Tre soggetti (43 per cento) avevano sintomi neurologici abbastanza gravi da compromettere il normale funzionamento per 3-14 giorni. Tutte le reazioni erano transitorie e risolte spontaneamente. Le reazioni individuali variavano notevolmente e non erano correlate con le concentrazioni di meflopina o variabili farmacocinetiche del sangue (emivita di eliminazione, concentrazione massima e tempo di concentrazione massima;

Il livello del metabolita acido ha raggiunto il picco a 14 giorni, abbastanza a lungo dopo l’insorgenza di reazioni avverse per suggerire che i sintomi sono risultati prevalentemente dalla sostanza madre.

L’elevata incidenza di compromissione neurologica dopo una dose terapeutica di meflochina è motivo di preoccupazione e sembra essere sostanzialmente più elevata di quella trovata in precedenza. Nei viaggiatori francesi che hanno ricevuto meflochina per la malaria, il farmaco è stato segnalato come causa di grave tossicità neurologica, tra cui convulsioni e psicosi.6, 7 Ulteriori informazioni devono essere raccolte per determinare se tali reazioni si verificano con l’uso profilattico di meflochina. Tali effetti collaterali potrebbero dissuadere il viaggiatore dal conformarsi al regime profilattico. Deve anche essere determinato se la funzione psicomotoria è sufficientemente compromessa da rappresentare un rischio per le persone che usano meflochina.
Leslie C. Patchen, M.S.
Carlos C. Campbell, M.D., M.P.H.
Sharyon B. Williams, B.S.
centri per controllo delle malattie, Atlanta, GA 30333

Sarebbe una rivelazione bomba. Precedenti studi clinici avevano dimostrato tassi molto bassi di eventi avversi, e questo rapporto è andato alla luce dei risultati degli altri studi.

Un’altra lettera è stata inviata a The Lancet nell’aprile 1990 dai medici dell’Istituto delle scienze mediche delle Forze armate di Bangkok che hanno letto in parte:

Le reazioni neurologiche, che vanno da vertigini e incapacità a concentrarsi sulle reazioni psicotiche, “dopo il trattamento con meflochina e la profilassi hanno sollevato la questione dei rischi della profilassi di meflochina. Ciò è di particolare interesse per i medici che devono raccomandare la profilassi per coloro che viaggiano in regioni con Plasmodium falciparum resistente a moltiplica. Riportiamo la nostra esperienza con la profilassi di meflochina negli Stati Uniti addestrando soldati in Thailandia per 6 settimane nel 1988.

Istituto delle Scienze Mediche delle Forze Armate, Bangkok 10400, Thailandia JAMES D. ARTHUR G. DENNIS SHANKS PETER ECHEVERRIA

Un modello stava cominciando ad emergere. Nei primi tre anni degli anni ’90, centinaia, forse migliaia di studi e prove venivano condotti su meflochina, testandola in varie combinazioni e in vari scenari. In genere è stato eseguito bene in questi studi e, sebbene siano stati segnalati gravi effetti psicologici, questi sono stati segnalati come rari e di solito si pensa che un altro fattore sia coinvolto come abuso di droghe o alcol.

Ma le lettere cominciavano a essere viste in una miriade di riviste mediche, che contraddicevano i risultati positivi degli studi. Dicevano tutti la stessa cosa, cioè che la meflochina era una droga pericolosa da evitare. Sfortunatamente quegli avvertimenti sono rimasti inascoltati o inascoltati e nel 1993 avrebbero portato alla tragedia.

Somalia

Guerra Civile Somala, 1992

Nel 1992, la Somalia era uno Stato fallito senza legge, governato dai signori della guerra. Per aiutare a stabilire l’ordine, le Nazioni Unite hanno sponsorizzato uno sforzo umanitario che avrebbe anche monitorato un cessate il fuoco negoziato nel paese. Era conosciuto come UNOSOM I e funzionava fino a dicembre di quell’anno.

È stato sostituito dall’UNITAF, la United Task Force, che non è stata gestita sotto l’egida dell’ONU, ma piuttosto è stata una task force guidata dagli Stati Uniti, con altri paesi, incluso il Canada. Il contingente canadese consisterebbe in un gruppo di battaglia del Reggimento aerotrasportato canadese.

Fin dall’inizio, la missione canadese fu tormentata da polemiche. La selezione del Reggimento aviotrasportato per questo particolare incarico è stata una questione di grande discussione e dibattito, e l’argomento è ancora fatto oggi. Inizialmente, la missione doveva essere strettamente di natura umanitaria e di mantenimento della pace, ma le cose cominciarono a complicarsi quando la missione avrebbe in seguito consentito il pieno armamento delle truppe, e iniziarono a prepararsi per una missione di combattimento. Le continue modifiche alle regole di ingaggio contribuirebbero alla situazione stressante sul terreno.

Ciò ha reso il Reggimento Airborne una scelta strana per questo incarico. In genere, le missioni di mantenimento della pace coinvolgono truppe disarmate, portano le loro armi ma non sono caricate. I requisiti implicano l’osservazione di una postura più difensiva, come l’impostazione dei perimetri dei campi, lo svolgimento di pattuglie di routine, l’osservazione delle attività, nonché l’esecuzione di una serie di compiti umanitari nell’area circostante. Questi doveri fanno parte di un soldato in un reggimento di fanteria, come la fanteria leggera canadese della principessa Patricia, che aveva una grande esperienza nel condurre operazioni di mantenimento della pace in quel momento.

Il reggimento aviotrasportato tuttavia era diverso. Pensata per essere la “punta della lancia” nelle operazioni di combattimento, il Reggimento aviotrasportato consisteva del meglio del meglio di tutti e tre i reggimenti di fanteria canadesi. Come tutte le forze militari d’élite, erano una macchina altamente addestrata e motivata, il cui unico scopo era uccidere. Ci vuole una certa mentalità per fare un lavoro del genere, e si esercita in queste truppe senza sosta. Molti, incluso me stesso, sentivano e sentivano ancora che non era una scelta appropriata e che andava contro la dottrina e il pensiero militare convenzionale.

Un’altra controversia sorse quando fu scoperto che il reggimento aveva alcuni problemi seri con il razzismo. Era stato ben stabilito che all’interno del reggimento esistevano elementi razzisti e di supremazia bianca. Nei ritratti dei membri Airborne di quel periodo, una bandiera confederata può essere vista appesa sullo sfondo accanto alla bandiera canadese. Il reggimento era anche conosciuto per avere problemi di disciplina, e c’erano domande sul fatto che gli ufficiali esercitassero un controllo adeguato sulle loro truppe.

Tuttavia, il reggimento sarebbe stato inviato in Somalia a dicembre, ma prima che uscissero gli uomini dovettero iniziare la profilassi della malaria. Il farmaco a cui erano stati somministrati non era stato approvato per l’uso in Canada in quel momento, e quindi dovevano ricevere il farmaco come parte di una sperimentazione clinica di farmaci. La droga era meflochina.

Mistrial della droga

Stabilire una postazione di mitragliatrice, 1993

I fatti sono esposti in un articolo su Lancet, una delle più antiche e rispettate riviste mediche peer-reviewed del mondo. Un articolo nell’edizione del maggio 1999 fornisce i dettagli su come l’esercito ha acquisito il farmaco, e l’impressione che mi rimane è che lo ha fatto con mezzi fraudolenti.

Il farmaco era stato dato all’esercito dallo sponsor dello studio, presumibilmente il produttore. Per partecipare allo studio, devono essere seguiti rigorosi protocolli di segnalazione. Dovrebbero essere conservati registri dettagliati e le reazioni avverse dovrebbero essere segnalate immediatamente ei sintomi accuratamente documentati. Le cartelle cliniche dei partecipanti dovrebbero anche essere controllate per verificare eventuali problemi, come una storia di depressione o altre malattie mentali.

Quello che è successo dopo potrebbe essere riassunto con un’espressione usata spesso nelle forze armate. Era un ammasso di chiacchiere. Non c’era nessuno sforzo per registrare qualcosa, misurare nulla, osservare qualcosa o riportare qualsiasi cosa. Agli uomini è stato detto che veniva loro somministrato un farmaco anti-malarico e gli è stato detto quali potenziali effetti collaterali erano presenti sulla monografia. Non erano a conoscenza del fatto che avrebbero dovuto prendere parte a una sperimentazione clinica e non avevano ricevuto il giusto consenso informato.

Parlando come qualcuno che non fa parte della professione legale, il buon senso mi dice che qui sono stati commessi due crimini. In primo luogo, i militari hanno agito con un palese disprezzo per la vita di questi uomini che hanno provocato danni e sono anche colpevoli per la morte di due adolescenti somali. In secondo luogo, ottenendo i farmaci per lo studio non avendo mai inteso svolgere il lavoro richiesto, hanno commesso frodi con l’inganno. Mi rendo conto che non ci saranno mai recriminazioni per questo, ma ho pensato che l’avrei messo comunque là fuori.

Dalle prove raccolte a questo punto risulta chiaro che molti dei soldati che erano in Somalia stavano subendo gravi reazioni avverse alla meflochina. Ci sono resoconti di uomini che soffrono di allucinazioni, psicosi, depressione grave e altri gravi sintomi psicologici. I sintomi erano i peggiori il giorno in cui ricevevano il dosaggio settimanale di meflochina. A seconda del giorno della settimana, questi giorni erano noti tra gli uomini come “Psycho Martedi” o “Wacko Mercoledì”.

E ‘evidente che la meflochina ha avuto un ruolo importante negli eventi che si sono svolti in Somalia, in realtà sono arrivato a dire che due ragazzi somali non sarebbero stati uccisi, il caporale Clayton Matchee non avrebbe tentato il suicidio, e il poliziotto Kyle Brown non avrebbe trascorso del tempo in prigione. È anche probabile che il Reggimento aviotrasportato non si sarebbe liquidato in disgrazia.

Riapertura dell’Inchiesta sulla Somalia

Presidente della Commissione della Somalia, giudice Gilles Letourneau

La Commissione d’inchiesta della Somalia si è conclusa nel 1997, incompiuta e incompleta. L’enorme quantità di prove sulla meflochina deve essere aggiunta al record e il rapporto finale modificato per riflettere le nuove informazioni.

Forse, cosa più importante, questa informazione deve essere presa in considerazione quando si tiene conto dell’errore giudiziario che si è verificato nei confronti di Clayton Matchee e Kyle Brown. Hanno portato il peso della colpa per quello che è successo, e i loro nomi devono essere chiariti. Le loro azioni erano riprovevoli, ma in assenza di meflochina non si sarebbero verificati.

Poiché solo il primo ministro e il gabinetto sono in grado di farlo, chiedo loro di ribadire la Commissione e conferire al giudice Letourneau un nuovo mandato. La giustizia lo richiede, e così fanno un gran numero di veterani e canadesi che li sostengono, come me.

Nella parte 4, Afghanistan, quinism e cause legali.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s