Trooper – Pt. 1 (IT)

Il veterano di bordo Claude Lalancette ha trascorso l’ultimo quarto di secolo vivendo in un inferno creato dal suo stesso governo.

Faccia di gioco su

Il 19 settembre 2016, il paracadutista in pensione Claude Lalancette si è seduto sul terreno di Parliament Hill e ha iniziato uno sciopero della fame, protestando contro il mancato riconoscimento da parte del governo di quei veterani colpiti da avvelenamento da meflochina. Durerebbe solo per 4 ore, ma meno di tre settimane dopo sarebbe tornato di nuovo a causa di promesse non mantenute. Questa volta il suo sciopero della fame sarebbe durato per 4 giorni prima che l’opposizione finalmente lo incontrasse per dargli 4 ore per testimoniare davanti alla Commissione permanente per gli affari dei veterani

Sarebbe stato un gesto di pacificazione, e anche se Lalancette ha ottenuto qualcosa di quello che stava cercando, alla fine ci sono state pochissime soddisfazioni.

Mefloquine Trooper

Claude è stato uno dei primi veterinari di mefloquine che ho contattato. L’ho conosciuto da Twitter, dove il suo manico è Mefloquine Trooper, e ho iniziato a dialogare con lui lì. Alla fine, avrei conosciuto la sua identità e l’ho raggiunto su Facebook. Volevo davvero fare una storia su questo ragazzo. Chiunque fosse disposto ad andare ad Ottawa e ad accamparsi sulla collina all’inizio di ottobre, e mettere in scena uno sciopero della fame per il boot era qualcuno con cui volevo tanto parlare.

Finalmente ho avuto la possibilità di parlare con lui al telefono, e mi ha dato l’opportunità di conoscere Claude come un uomo, un veterano e come qualcuno con il quinismo. Mentre parlavo con lui mi sono ritrovato a tornare indietro nel tempo, ricordando i ricordi di oltre un quarto di secolo fa.

Oka

Claude è entrato nell’esercito nel 1990 ed è diventato membro del Royal Canadian Regiment (RCR). Quell’estate, fu schierato a Oka, nel Quebec, insieme a un gruppo di circa 2.500 soldati, principalmente del Royal 22 ° Reggimento del Quebec, i Van Doo.

Furono mandati lì in risposta a uno scontro tra Mohawk Warriors e la Surete du Quebec che aveva catturato l’attenzione del paese nell’estate del 1990. Sarebbero lì per un mese, prima che i Mohawk Warriors consegnassero le loro armi e lo stallo è finito.

Somalia

Nel 1992, Lalancette si era riconfermata ai Van Doo ed è stata selezionata per unirsi ai ranghi del Reggimento Airborne, servendo in 1 Commando. Il giorno di Santo Stefano di quell’anno, arrivò in Somalia lasciando il freddo inverno canadese alle spalle e atterrando in un altoforno comparativo con temperature superiori a 40 gradi C.

Non ricorda di aver preso meflochina prima di andarsene, ma c’erano così tante vaccinazioni e farmaci pre-partenza da prendere che non poteva essere sicuro. Ricorda di essere stato informato della droga quando è arrivato in Somalia. Dice che gli è stato detto che il farmaco che gli veniva somministrato era un nuovo anti-malaria, assunto una volta alla settimana.

In nessun momento fu detto loro che il farmaco che gli veniva somministrato non era ancora stato approvato in Canada, né che avrebbero dovuto essere parte di un trial per la droga per questo farmaco ancora da approvare. Sono stati semplicemente ordinati per prendere il farmaco, il rifiuto non era un’opzione.

L’effetto collaterale più immediato che Claude avrebbe provato era “gut rot”, seguito da mal di testa e fotofobia. Poi sarebbero iniziati gli incubi. Come con la maggior parte delle altre persone che hanno avuto gravi effetti collaterali, Claude avrebbe avuto incubi vividi e inquietanti. Sua moglie era incinta di sei mesi e sognava letteralmente di farla a pezzi.

Un gran numero di uomini in 1 Commando ha avuto effetti collaterali spiacevoli dopo l’assunzione di meflochina, di solito nel peggiore subito dopo aver preso la pillola settimanale. Nella terza settimana del dispiegamento, cominciò a diffondersi la voce che i soldati avrebbero rifiutato il loro prossimo dosaggio. Quando arrivò il momento in cui gli uomini dovevano ricevere il loro dosaggio settimanale, il plotone al comando era lì con il medico. Una volta riuniti, fu loro detto che se non avessero preso la loro dose di meflochina, sarebbero stati accusati e incarcerati. Gli uomini dovevano quindi prendere la pillola di fronte al Platoon 2 IC aprendo la bocca per mostrare che l’avevano inghiottita.

Caos a Mogadiscio

Nel gennaio 1991, mentre i signori della guerra rivali si avvicinavano alla capitale somala di Mogadiscio, il dittatore Mohamed Siad Barre fuggì in una fortezza nel sud del paese, ma alla fine fu costretto all’esilio. Dopo essere stato al potere per 22 anni, l’ex uomo forte divenne sempre più impopolare, portando alla sua estromissione. Morirebbe per un infarto in Nigeria quattro anni dopo.

La Somalia è scoppiata nella guerra civile e fino ad oggi è considerata uno stato fallito. Nel 1992 la situazione era peggiorata al punto che l’ONU intervenne e chiese assistenza internazionale per aiutare la crisi umanitaria che si stava sviluppando sul terreno. Il contributo di Cananda iniziò ad arrivare nel dicembre del 1992. Claude Lalancette sarebbe atterrato a Mogadiscio il giorno di Santo Stefano.

Non sarebbe passato molto tempo prima che si verificasse il primo di una serie di eventi bizzarri, che in seguito sarebbero stati interpretati come il risultato della tossicità di meflochina. Quando ho iniziato a sentire le stesse storie di sempre più veterani della Somalia, quello che mi è diventato chiaro era quanto fossero stati fortunati ad averlo reso vivo.

Dirottando la festa

Distribuire a Natale significherebbe che molte truppe si perderebbero la cena in Turchia con le loro famiglie. Per dare un po ‘di morale agli uomini appena arrivati, erano stati presi accordi per far trasportare una nave da crociera in porto per tre giorni. Lì, nel corso di tre sere, le truppe avrebbero avuto l’opportunità di godersi la cena di Natale a una festa tenuta a bordo della nave.

Lalancette mi racconta di un incidente accaduto poco prima del suo arrivo in Somalia. Una nave da crociera era stata portata in porto a Mogadiscio allo scopo di organizzare una festa di Natale per coloro che erano stati schierati nelle parti avanzate. Si sarebbe tenuto per tre notti per assicurarsi che tutti avessero l’opportunità di andare. Nella seconda notte, come sempre, le cose sono andate male.

La serata è iniziata bene, dato che il gruppo ha cenato e bevuto qualche drink. Mentre la serata si consumava, alcuni uomini bevevano ancora un po ‘e non passò molto tempo prima che le cose iniziassero a sfuggire di mano. Uno degli uomini finirebbe la festa in un modo che nessuno si aspettava.

L’uomo prese il suo coltello C5 e si diresse verso il ponte. Una volta lì tentò di dirottare la nave, ordinando all’equipaggio del ponte di tornare in Canada. Dopo essere stato sottomesso, è stato portato fuori dalla nave e il giorno seguente è stato rimandato in Canada sotto scorta della polizia militare.

Andando “cowboy”

Questo non sarebbe l’unico episodio di comportamento bizzarro da vedere in quel tour. Lalancette mi racconta di un’epoca in cui aveva qualche whisky con un amico per il suo compleanno. Scambiare le razioni con le controparti straniere era comune e gli italiani avevano una volta bottiglie di whisky nelle loro razioni. Dato che era il compleanno di Lalancette, i suoi membri della sezione gli hanno regalato una bottiglia di once once.

L’uomo prese il suo coltello C5 e si diresse verso il ponte. Una volta lì tentò di dirottare la nave, ordinando all’equipaggio del ponte di tornare in Canada. Dopo essere stato sottomesso, è stato portato fuori dalla nave e il giorno seguente è stato rimandato in Canada sotto scorta della polizia militare.

Andando “cowboy”

Questo non sarebbe l’unico episodio di comportamento bizzarro da vedere in quel tour. Lalancette mi racconta di un’epoca in cui aveva qualche whisky con un amico per il suo compleanno. Scambiare le razioni con le controparti straniere era comune e gli italiani avevano un oncia di bottiglie di whisky nelle loro razioni. Dato che era il compleanno di Lalancette, i suoi membri della sezione gli hanno regalato una bottiglia di oncia.

Lalancette ha iniziato a sentire i tamburi di guerra. Era l’unico a sentirli e voleva esplorare da dove provenisse il suono. Solo il compagno di bevute di Lalancette era disposto ad andare con lui. Si sono preparati e sono partiti per una pattuglia non legittima. Camminarono e camminarono nella notte del deserto, seguendo il suono finché il suono cessò. Tornando al complesso dei Commando, il compagno di bevute di Lalancette ha avuto un impulso omicida. La sua idea era di entrare in una capanna nomade e tagliare la gola di un innocente somalo mentre dormiva. Lalancette alla fine lo convinse che non ne valeva la pena e tornarono entrambi alla base come se nulla fosse successo.

Alcool e meflochina non si mescolano

Negli anni successivi abbiamo appreso molto di più sulla meflochina, come il fatto che l’alcol dovrebbe essere evitato durante il consumo. In un articolo del 2013 del Journal of the American Academy of Psychiatry and the Law, lo psichiatra forense Dr. Elspeth Cameron Ritchie ha scritto:

Oltre a una progressione dose-dipendente, i sintomi di intossicazione da meflochina possono presentare una presentazione crescente e calante. Si è tentati di ipotizzare che in alcuni casi questa presentazione possa riflettere il decorso clinico di uno stato limbico limbico epilettico114 o di un attacco limbico132, -, 134 acceso dal farmaco.135 A questo proposito, è ragionevole speculare ulteriormente sull’uso simultaneo di l’alcol o alcuni altri farmaci insieme a meflochina potrebbero abbassare la soglia delle convulsioni limbiche o causare un’ulteriore disregolazione degli interneuroni inibitori limbici, 125 contribuendo a un rischio di potenziamento improvviso. Rapporti che descrivono convulsioni e reazioni psicotiche subito dopo l’ingestione di alcol sono ben rappresentati in letteratura, 42.136.137 e l’uso di alcol è spesso sollevato come potenziale fattore di confusione nei casi di gravi reazioni al farmaco.27,138

Elspeth Cameron Ritchie, Jerald Block e Remington Lee Nevin
Journal of the American Academy of Psychiatry and the Law Online, giugno 2013, 41 (2) 224-235;

Sfortunatamente nessuno lo sapeva al momento. È probabile che nessuno si sia preso la briga di scoprirlo.

Nella parte 2 Una morte in Somalia, una famiglia dilaniata e un uomo spinto a uno sciopero della fame.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s